Lucia Primo

Parlo così tanto spesso della relazione tra il corpo e la mente che sarai stanca/o di sentirmi.
Lo dicevano gli antichi saggi  “mens sana in corpore sano” e sappiamo che molte cose, anche se non tutte, appartenenti alla saggezza antica sono valide anche oggi.
Questo, in particolare, è uno dei miei mio mantra quotidiani, non solo perchè quando mi sento in armonia interiormente, il mio corpo è sano, ma anche perchè quando sto bene dentro ed esprimo amore al mio corpo tutte le circostanze e le situazioni intorno a me vibrano a quella frequenza di amore e apprezzamento.
E allora non vale la pena rimanere connessi a tutto questo?

Tuttavia, lo so, non è sempre facile.
L’esperienza personale parla a tutti noi.
Quando il corpo fisico soffre, la sofferenza si ripercuote anche sullo stato emotivo e sui pensieri. Una parte molto saggia di noi sa, poi, che è vero anche il contrario: quando il corpo sviluppa spontaneamente un dolore o un disturbo qualcosa interiormente ha iniziato a soffrire un po’ di tempo prima.
Dentro di noi esistono molte componenti che si condizionano tra di loro. 
Nella geometria del colore mi riferisco ad esse con i colori rosso (corpo fisico), arancione (corpo emotivo), giallo (corpo mentale) corrispondenti ai primi tre chakra (cosa sono i chakra? Vai qui)

Quando uno di questi tre centri va in sofferenza si trascina dietro gli altri due, perché essi agiscono come un unico essere che vive in noi e che è in grado di prendere il sopravvento di tutta la nostra vita.
3 esempi per spiegarmi meglio:

1. Una parte del corpo fisico soffre per un trauma o un infortunio. Non possiamo più svolgere le nostre attività quotidiane e il nostro lavoro mettendo in difficoltà noi stessi e i nostri collaboratori. Nella mente si fanno spazio le preoccupazioni e iniziano a crearsi scenari apocalittici riguardanti gli effetti terribili della nostra forzata interruzione delle attività. Di conseguenza ci ritroviamo emotivamente insofferenti alla situazione, in ansia e turbati. È possibile perdere il sonno e diventare irritabili. Tutto ciò non aiuta il corpo fisico che avrebbe solamente bisogno di riposo e tranquillità mentre noi cerchiamo la guarigione in fretta ottenendo, in realtà, l’effetto opposto, perchè rientrando in anticipo nelle nostre routines trasciniamo i postumi anche per lungo tempo.

2. Un altro scenario è la fine di una relazione affettiva in cui si vive un profondo dolore interno e si riaprono ferite emotive come l’abbandono o il rifiuto. Questi stati emotivi, se non osservati e curati con amore possono generare ossessioni mentali, in cui il senso di colpa o il rancore inducono prima a rimuginare sui fatti passati come se fosse possibile, in qualche modo modificarli. E poi a somatizzare in disturbi fisici come un blocco lombare o l’infiammazione del fegato e, quindi, dolore al lato destro del torace.

3.Prendendo come origine invece il piano mentale di frequente osservo nelle persone estremamente impegnate a livello professionale, l’incapacità di staccare la mente dagli impegni e dalle preoccupazioni; questa si trasforma in stress e blocco respiratorio, provocando gastrite, difficoltà digestive e tensioni muscolari a vari livelli.

Ognuno di questi scenari assomiglia al cane che si morde la coda perché il meccanismo corpo-emozioni-mente si autoalimenta da solo.
È qui che entra in gioco la meditazione.

Quello che accade durante la meditazione è l’osservazione distaccata del momento presente con tutto quello che c’è.
Quando impariamo con l’allenamento a diventare osservatori dei pensieri, del corpo e delle emozioni, siamo in grado di uscire dal loop scatenato dentro questa triade per spostarci su uno degli altri piani (cuore, visione, connessione)

Da non dimenticare, in tutto questo, l’effetto potenziante a livello fisico della posizione assunta dal corpo. Essa è funzionale allo scorrere dell’energia interiore e allo stesso tempo rinforza la muscolatura paravertebrale, quella che sostiene la nostra colonna durante tutta la nostra giornata. Più teniamo in allenamento quei muscoli tanto più potremmo giovare della meditazione a livello fisico e tanto più i benefici di una muscolatura corretta si ripercuoteranno sulle nostre emozioni e sui nostri pensieri.

Persone foto creata da yanalya – https://it.freepik.com

Insomma il cane continua a mordersi la coda ma questa volta a nostro beneficio!

Ho parlato di allenamento perché è proprio così che funziona. Non è sufficiente meditare un giorno e poi dimenticarsi di questa pratica per sempre. Affinché essa abbia degli effetti evidenti deve essere condotta con costanza proprio perché deve rinforzare in noi sia il corpo che la capacità di accorgerci dei pensieri e delle emozioni e uscire dal meccanismo. Se non siamo allenati a farlo essi vinceranno su di noi e ci porteranno dove vorranno loro. Il corpo e il mondo interiore vanno sempre insieme

Sai che secondo alcuno studi la meditazione è un modo efficaci per combattere il maldischiena e nel lungo termine?

Roger Chou, professore all’Oregon University che ha contribuito alle nuove linee guida dell’ACP, conferma che la lombalgia è determinata tanto da cause strutturali e anatomiche, quanto da fattori sociali, biologici e psicologici.  Infatti chi soffre di depressione o è insoddisfatto col proprio lavoro tende ad avere maggiori dolori lombari.

Per questa ragione combinare l’allenamento fisico con un allenamento mentale alla calma, al focalizzarsi sul momento presente e alla consapevolezza del corpo, permette di uscire dai meccanismi emotivi generanti stress che non fanno altro che sfogarsi sul corpo fisico.

Ovviamente perchè qualsiasi allenamento funzioni deve essere condotto con costanza, ogni giorno, per un periodo di tempo sufficiente a far percepire le modifiche interne ed esterne. 

Vuoi provare a meditare?
Scarica questa traccia e inizia da qui. Questa prima semplice meditazione ti aiuterà a riconoscere i pensieri, a focalizzarti sul tuo corpo e sulle tue sensazioni.
Poi se vuoi continuare con la pratica vai al mio canale youtube per trovarne altre. Oppure ti segnalo una app per il tuo cellulare in cui trovare, con un piccolo contributo mensile, tante meditazioni utili. Si chiama Serenity.
Se ti va fammi sapere come ti sei trovata/o con questa meditazione.
A presto!
Lucia

27 Aprile 2019

Allenare corpo e mente con la meditazione

Parlo così tanto spesso della relazione tra il corpo e la mente che sarai stanca/o di sentirmi. Lo dicevano gli antichi saggi  “mens sana in corpore sano” e […]
16 Aprile 2019

Dire di sì alla vita con l’aiuto dell’arancione.

Qualche tempo fa osservando me stessa nel mio relazionarmi alla vita, ho notato che avevo l’abitudine di dire no o comunque di obiettare a ciò che […]
3 Aprile 2019

La schiena ti parla- Cosa dice la lombalgia

Ed eccoci al tanto atteso terzo episodio della serie “La schiena ti parla”  Tanto atteso perché quello della lombalgia è un problema davvero molto sentito e […]
27 Marzo 2019

La schiena ti parla- Cosa dice la dorsalgia

Intanto forse dovremmo capire cosa significa dorsalgia. Non è un problema comune tanto quanto la lombalgia o la cervicalgia, ma vale comunque la pena capirne qualcosa […]
21 Marzo 2019

Fai chiarezza nella tua vita- intervista a Michela Guglielmoni

Come fare chiarezza nella propria vita E’ un tema di cui abbiamo già parlato quando abbiamo fissato i propositi per il nuovo anno (trovi l’articolo qui) […]
13 Marzo 2019

La schiena ti parla- cosa comunica la cervicalgia

La schiena ci parla. Lo fa come ogni elemento del nostro corpo, come ogni sintomo e ogni rigidità che esso manifesta. Non c’è nulla di anormale […]
11 Febbraio 2019

3 colori per affrontare l’insoddisfazione

Nella rincorsa degli impegni quotidiani dimentichiamo troppo spesso di prestare cura e attenzione a quelle emozioni che intralciano il nostro progredire e realizzare ciò che vogliamo […]