Senza categoria

Intervista a Eliana Santin-metodo CREARSI

“Alice nel paese delle meraviglie” mi ha sempre fatto paura!
Lo trovavo paradossale, come si può aver paura di un cartone animato?
Finchè non ho capito cosa c’era dietro.

Ricordo che una sera, ero piccola, avrà avuto 7 o 8 anni, ero tra le braccia del papà nella poltrona del salotto a guardare questo cartone animato insieme a lui.
E ad un certo punto ho avvertito l’ansia di Alice, persa e disorientata, nel tentativo di cercare la strada per tornare a casa.
Sono entrata visceralmente ed empaticamente dentro le sue emozioni, ritrovandomi lì a vagare per quelle strade di fantasia in cerca di quella giusta, con quell’antipatico Stregatto che se la rideva e si prendeva gioco di me! 
Da bambini siamo molto bravi a fare questo. Siamo piccole spugne che sentono senza filtri. E quello che sentivo non mi piaceva.

Sono letteralmente fuggita da quella situazione per rintanarmi dalla nonna nell’appartamento di fianco a guardare “pistoe che core e cavai che spara” (pistole che corrono e cavalli che sparano), come lei definiva i films western.

Almeno lì non capivo la trama, vedevo solo questi grandi spazi del lontano west (una zona del mondo che neanche sapevo dov’era), cowboys sudati col cappello in testa e cavalli impazziti che si rincorrevano.  
Niente disagio e nessuna identificazione con bambine in difficoltà.

E’ stato, credo, il mio primo incontro con il senso di ansia che genera in noi il fatto di non sapere dove stiamo andando o come fare per uscire da quel posto lì, che non fa per noi, non vogliamo più.
L’ansia che proviamo al desiderio di ritrovare la nostra via e di ricongiungerci con qualcosa che ci è familiare nel profondo, ad un livello che non sappiamo spiegare ma possiamo benissimo sentire. Quel qualcosa che rappresenta CASA.
E come Alice ad un certo punto del nostro viaggio comprendiamo che casa è lì, dove siamo noi, ma incapaci di riconoscerci se non dopo un lungo peregrinare che ci riporta alla partenza, al nostro essere dormienti sotto un albero, mentre di qua della serratura gridiamo a noi stessi “Ehi, svegliati!”

Grande onore alla vibrazione del raggio INDACO che ci accompagna lungo il viaggio per il riconoscimento della nostra direzione, della visione di noi oggi per quello che siamo e di noi domani per ciò che vogliamo realizzare portando nel mondo valori preziosi per l’umanità.

Così oggi leggo con curiosità e simbolismo le vicende di Alice, pregne di messaggi e indizi o, se vogliamo, SEGNALI.

Cos’è un segnale se non una indicazione, un cartello stradale? 
Rallenta, accelera, attento alla curva, svolta a destra, di qua meglio non passare.

Il nostro presente è intriso di segnali ad ogni nostro passaggio. Eppure spesso tiriamo dritti senza nemmeno osservarli, come se fosse possibile guidare l’auto ad occhi chiusi sperando di non andare a sbattere da nessuna parte, non uscire mai di strada e non farsi mai male.
Ed è proprio quello che facciamo spesso.

Ho voluto approfondire il tema dei segnali, molto caro alla vibrazione del colore INDACO, chiedendo a qualcuno che fa di questo il proprio servizio, qualcuno che aiuta le persone a riconnettersi al presente imparando ad osservare e leggere ciò che succede intorno, così che le circostanze e gli eventi non siano solo casualità, bensì, attraverso lo sviluppo di una visione più aperta e connessa, diventino il mezzo attraverso cui l’Universo (che poi non siamo altro che noi stessi proiettati in esso) comunica con la nostra parte più cosciente.
Lei è Eliana Santin, ideatrice del Metodo C.R.E.A.R.SI. e con lei ho giocato a fare l’intervistatrice, perché volevo che potesse trasparire la sua dolcezza nell’esprimersi e perché ci tenevo che venisse stimolata la qualità intuitiva e di visualizzazione che è in ognuno di noi.

All’interno dell’intervista parliamo di:

  • Come porsi in atteggiamento di ascolto, con volontà di accogliere e crescere quando ci troviamo in difficoltà.
  • Come comportarci di fronte ad un bivio e come aiutarci con i segnali per capire qual è la scelta giusta.
  • Come osservare i segnali aumenta la presenza nel Qui e Ora e come il lavoro INDACO diventa veicolo di rinforzo dell’energia ROSSA.
  • Alcuni esempi pratici di segnali che possiamo incontrare nel nostro presente e i messaggi che ci portano.
  • Eliana, aiutami ad interpretare quello che ho sognato stanotte!!
  • Come non cadere nell’inganno dell’interpretazione da “Libro dei sogni”.

Trovi l’intervista qui:

>> INTERVISTA AD ELIANA SANTIN-

CAPIRE I SEGNALI DI VITA<<

Oppure su YouTube a questo link: https://youtu.be/Z75eqhSoX3g

Per scoprire di più sul metodo C.R.E.A.R.SI.

WEB:  https://www.elianasantin.it/
FBhttps://www.facebook.com/elianasantincrearsi/ 
IG: https://www.instagram.com/elianasantincrearsi/
19 Agosto 2019

Come leggere i segnali di vita

Intervista a Eliana Santin-metodo CREARSI “Alice nel paese delle meraviglie” mi ha sempre fatto paura!Lo trovavo paradossale, come si può aver paura di un cartone animato?Finchè […]
5 Luglio 2019

Conta più il microbo o il terreno?

Ci sono momenti, nella storia dell’umanità, in cui sono state compiute scelte che hanno avuto conseguenze importanti non solo nell’epoca in cui sono avvenute, ma nella […]
8 Maggio 2019

Un esercizio indaco per creare la visione migliore di te

In questo articolo ti voglio parlare di un tema caro al colore indaco legato all’importanza di avere una visione di sè che faccia sentire in armonia […]
2 Maggio 2019

Come trasformare la tua vita attraverso il colore e il corpo

La relazione che hai con il tuo corpo determina profondamente la qualità della tua vita, non solo in termini di benessere fisico, ma anche rispetto alla […]
27 Aprile 2019

Allenare corpo e mente con la meditazione

Parlo così tanto spesso della relazione tra il corpo e la mente che sarai stanca/o di sentirmi. Lo dicevano gli antichi saggi  “mens sana in corpore sano” e […]
3 Aprile 2019

La schiena ti parla- Cosa dice la lombalgia

Ed eccoci al tanto atteso terzo episodio della serie “La schiena ti parla”  Tanto atteso perché quello della lombalgia è un problema davvero molto sentito e […]
27 Marzo 2019

La schiena ti parla- Cosa dice la dorsalgia

Intanto forse dovremmo capire cosa significa dorsalgia. Non è un problema comune tanto quanto la lombalgia o la cervicalgia, ma vale comunque la pena capirne qualcosa […]