La schiena ti parla- cosa comunica la cervicalgia

3 colori per affrontare l’insoddisfazione
11 Febbraio 2019
Fai chiarezza nella tua vita- intervista a Michela Guglielmoni
21 Marzo 2019

La schiena ti parla- cosa comunica la cervicalgia

La schiena ci parla. Lo fa come ogni elemento del nostro corpo, come ogni sintomo e ogni rigidità che esso manifesta.

Non c’è nulla di anormale in questo, se non il fatto che ci siamo completamente dimenticati di tenerne conto.

Si sta creando un grande movimento negli ultimi anni sulla scoperta delle connessioni tra la mente e il corpo, tra le emozioni e la malattia o la guarigione. La scienza si sta improvvisamente svegliando ad una consapevolezza che il genere umano possiede da secoli e anche di più.

Ma davvero, dov’è la novità? Abbiamo atteso che l’ultima delle nostre discipline, la più lenta, la più scollegata dall’intelligenza del nostro intuito ci arrivasse. E nell’attesa ci siamo scollegati anche noi.

Tiriamo un sospiro di sollievo. Ora ci siamo tutti, anche gli ultimi sono arrivati, non lasciamo indietro nessuno ed ora possiamo procedere insieme.

Ed insieme oggi andiamo a scoprire i messaggi della schiena.

Ho suddiviso questa spiegazione sui 3 livelli, che ci portano verso una sempre maggiore profondità di comprensione dell’argomento.

LA SCHIENA VISTA DAL PUNTO DI VISTA FISICO- STRUTTURALE

È forte ed estremamente adattabile, ma non è invincibile.

Cervicalgia, dorsalgia, lombalgia, sciatalgia, disfunzioni sacro-iliache sono le problematiche più frequentemente diagnosticate e, se definirle è semplice, individuarne la causa non lo è altrettanto.

Solitamente di indagano questi elementi:

  • Traumi recenti; caduta accidentale, incidente, contusione, movimento brusco e inaspettato ecc.
  • Mantenimento prolungato di posture scorrette; stare ore flessi al pc, utilizzare il mouse per molte ore e ripetutamente, stare seduti a lungo in automobile, dover mantenere una posizione di un certo tipo al lavoro per svolgere un compito ripetutamente per molte ore. Queste posizioni generano punti di sovraccarico e tensione e allo stesso tempo zone di ipoattività, quindi indebolimento. Si creano così asimmetrie posturali che poi si ripercuotono sulla sensazione di benessere globale.
  • Alterato senso di propriocezione del corpo. La propriocezione è la qualità che ci permette di aver padronanza del nostro corpo senza l’ausilio della vista. Mentre leggete questo articolo riuscite a riconoscere la posizione dei vostri piedi senza guardarli? La propriocezione è importante per il controllo articolare e di tutti gli elementi del nostro corpo ed è strettamente collegata al senso di coordinazione ed equilibrio. Se questi sistemi sono alterati diventa più semplice ricorrere in infortuni o in difetti nella qualità del movimento.
  • Problematiche viscerali. Cuore, polmoni, stomaco, fegato reni e tutti i nostri organi interni hanno connessioni strutturali (tendinee, legamentose, muscolari e nervose) con il sistema muscolo-scheletrico e possono produrre sintomi apparentemente riconducibili al corpo fisico ma di cui sono essi stessi la causa.

Quali soluzioni ci vengono solitamente proposte?

  • Fisioterapia strumentale (laser, ultrasuoni, onde d’urto, tecarterapia, a seconda della moda del momento!)
  • Terapie manuali sul corpo, come massaggi, mobilizzazioni, osteopatia, shiatzu ecc
  • Rieducazione funzionale e posturale, per reinsegnare al corpo a muoversi e a coordinarsi (esercizi, rinforzo, stretching ecc)
  • Abitudini di vita sane, frequentazione di corsi di yoga o pilates, nuoto, danza, sport ecc

La nostra scienza medica è sintonizzata su questi elementi, più o meno, ma, abbiamo detto, noi siamo molto di più, quindi proviamo ad indagare qualche altro ambito.

LA CERVICALGIA DAL PUNTO DI VISTA SOMATO-EMOTIVO

“Ai giorni nostri metà delle nostre malattie derivano dal dimenticarsi del corpo facendo lavorare la mente oltre misura.”
LORD OWEN MEREDITH

Questo è il motivo per cui cerchiamo le risposte nei libri o nelle ricerche dei medici e ci fidiamo poco del nostro sentire. Quando riusciamo invece a lasciar perdere quello che dice la nostra mente (o che altri dicono ad essa) e lasciamo che sia il corpo e il nostro mondo interiore a parlare, cambia tutto.

Osserviamo, per esempio, la zona cervicale.

La cervicalgia, o dolore al tratto cervicale della colonna, insorge quando essa viene sottoposta ad un sovraccarico. Se la nostra postura è corretta e la testa è dritta il collo è perfettamente in grado di sopportare quei 4,5/5 kg di peso della testa.

Cercherò di spiegare ora alcune possibili connessioni tra posizioni del capo e stati interiori, ricordando che questi sono spunti, non regole fisse e vogliono rappresentare degli esempi di come poter osservare ed ascoltare se stessi.

1.CAPO IN AVANTI.

Il capo si sposta in avanti quando assecondiamola tendenza a voler portare sempre la testa prima del nostro corpo. Come se con i pensieri dovessimo arrivare prima del nostro sentire. In questo caso potremmo dire che la cervicalgia forse origina dall’avere un atteggiamento di costante preoccupazione per il nostro futuro. Proviamo allora ad indietreggiare con la testa, a riportare il capo sopra il corpo e non più avanti e con un bel respiro fermiamoci, nel presente, ora, qui.

2. MAL DI TESTA MIOTENSIVO. 

Avete presente quando quello spazio tra le sopracciglia si corruga e si formano quelle due rughette antipatiche? Ecco, in quel momento i motori della mente sono al massimo del lavoro, i pensieri si stanno rincorrendo dentro la nostra testa, cerchiamo risposte, o soluzioni, spiegazioni o senso che la mente non trova. Allora continuiamo a scavare dentro i nostri pensieri e a ripeterli ossessivamente ricreando gli stessi circuiti nella speranza che portino da altre parti, invece finiscono sempre dentro gli stessi cassetti. Ti riconosci? Purtroppo quando questo accade non è soltanto la fronte a risentirne. La tensione si crea anche nella zona parietale, temporale e occipitale del cranio e tutti i muscoli che lo avvolgono iniziano a contrarsi. Il risultato è una forte emicrania e un possibile dolore alla zona occipitale. Proviamo in questi casi a dedicarci a qualche attività scacciapensieri, una forma d’arte, un hobby che ci appassiona, una passeggiata a cercare le erbette per il risotto. Qualcosa che impegni in maniera leggera la nostra mente e ci tenga lontani dai nostri loop.

3. SVALUTAZIONE DI TIPO INTELLETTUALE.

“non sono abbastanza intelligente”, “qui al lavoro non prendono in considerazione il mio pensiero, pare non sia mai all’altezza della situazione”, “ rispetto ai miei colleghi non conto nulla”. Avete presente quando eravamo bambini e i genitori ci sgridavano e noi abbassavamo la testa? Avviene anche in natura, gli animali abbassano il capo quando vogliono riconoscere la sottomissione. All’interno di un branco non c’è nulla di male. Ma cosa succede se questo atteggiamento si prolunga oltre misura nel nostro posto di lavoro o, peggio, ancora, si spalma nei diversi ambiti della nostra vita facendoci sentire inferiori in famiglia, tra gli amici, nello sport eccetera? Un capo flesso in avanti lo rende più pesante. Molti chili più pesante, come vedi dalla foto qui sotto. E questo è un presupposto molto interessante per una cervicalgia.

Allora proviamo a imparare a guardare le persone negli occhi, a tenere il capo in alto, a ricordarci che non esiste una scala di valori o di importanza assoluti, ma che ogni contesto ha le proprie gerarchie e il nostro valore interno non ha nulla a che fare con le cariche professionali. È una trasformazione profonda che non possiamo ridurre a poche righe ma forse, già accorgersi di questo atteggiamento posturale personale, potrebbe dare spazio ad una nuova consapevolezza.

4. PENSO E NON SENTO, DICO E NON FACCIO.

Il collo rappresenta il collegamento tra a testa e il cuore. Ogni elemento di collegamento funziona se di fatto, i due elementi collegati comunicano tra di loro, altrimenti che collegamento è? Non funziona e si inceppa. Se il cuore sente una cosa e tende a destra, ma la testa ne pensa un’altra e vuole andare verso sinistra, il collo poverino come fa? Si arriccia, si contorce, tira, forza, in qualche modo deve tenere i collegamenti. Si creano le tensioni.

Allo stesso modo se dico una cosa e ne faccio un’altra il mio corpo (il mio agire) andrà in una direzione, la mia testa (pensiero e parole) andranno in un’altra. L’assenza di coerenza interiore porta a sovraccaricare le strutture cervicali.

5. RIGIDITA’ DI PROSPETTIVE- RISTRETTEZZA MENTALE

Non è che ogni tanto ti incaponisci sulle cose e ti rifiuti di osservarle da un diverso punto di vista?

Non è che vai avanti con il paraocchi per la tua strada nonostante le persone, i segnali, gli eventi ti suggeriscano altro?

Se ogni volta che senti profondamente la spinta a considerare le cose diversamente tu ti rifiuti, si crea tensione fisica, strutturale. Non te ne accorgi, ma metti in tensione i muscoli del tuo collo per costringerti a rimanere fermo nella tua posizione. Non ha senso, è solo tanta energia impiegata male. E porta dolore.

Il tuo corpo ama così tanto la verità che se non la dici tu te la dice lui… con i sintomi!

COLLO E CERVICALE DAL PUNTO DI VISTA VIBRAZIONALE.

Ho sempre associato questa zona del corpo alla frequenza del colore blu.

È un colore che aiuta ad andare in profondità, oltre le credenze che hai sempre avuto e gli schemi rigidi a cui hai sempre dato credito.

Attraverso l’osservazione presente dei tuoi atteggiamenti, come quelli sopra descritti, puoi renderti conto dei limiti che ti autoimponi e che ti impediscono di esprimere pienamente te stesso. La libertà del blu è questa. Non è fare ciò che ti pare quando ti pare, è esprimere ciò che sei in piena consapevolezza. Ti guida ad attraversare e trasformare le credenze e le memorie limitanti.

Il blu ti offre l’occasione di lavorare sulle tue incoerenze interiori, tra quello che senti, pensi, dici e, di conseguenza manifesti. Puoi scoprire di più sulla coerenza nei percorsi formativi dell’Ima Academy.

Quindi, se soffri di cervicalgia e vuoi aiutarti con le vibrazioni luminose ad entrare nel campo delle informazioni che ti servono per andare oltre la situazione, il BLU è la frequenza giusta. Vuoi sapere come utilizzare le frequenze del colore per andare OLTRE i tuoi disturbi fisici? Vai a Colora la tua Vita

E accetta un ultimo consiglio… LASCIA ANDARE un pochino. Molla la presa e il controllo mentale sulla tua vita. Lascia che la tua intelligenza profonda connessa all’intelligenza dell’universo ti guidi sapientemente.

Nel prossimo articolo affronteremo le dorsalgie.

Buona ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *