Lucia Primo

La domanda rimanda ad un altro grande quesito dell’uomo: perché dovrei conoscere me stesso?

Sapere quali sono i colori dominanti dentro di sé equivale ad approfondire la conoscenza di se stessi.

Se è vero infatti che ogni colore possiede una personalità e una modalità di approccio alla vita, allora possiamo comprendere che esistono caratteristiche in noi che possono assomigliare più a un colore che ad un altro.

Se hai compilato il mio Test dei colori hai già un’idea di quali sono quelli predominanti in te e quali invece possono essere approfonditi attraverso lo studio del colore ma oggi voglio aiutarti a comprendere i principali benefici del lavoro attraverso il colore.

IMPARARE AD OSSERVARSI PROFONDAMENTE E SENZA GIUDIZIO

E’ molto difficile conoscere se stessi. Soprattutto perché siamo fatti di tanta complessità interiore e fatichiamo ad osservarci in modo analitico, perché nel nostro sguardo ci sono sempre le emozioni, i pregiudizi e il rifiuto di vedere certe caratteristiche che non ci piacciono di noi stessi.

La parte più ironica della questione è che siamo spesso convinti di conoscere gli altri prima ancora di aver capito come siamo fatti noi stessi. Ma questo è un altro discorso.

Il grande vantaggio dello studio dei propri colori è che essi ti guidano come un filo di Arianna dentro te stesso aiutandoti a non perderti all’interno di questa grande complessità.

La nostra attenzione e la nostra presenza sono così poco allenate che facciamo molta fatica a concentrarci contemporaneamente sul nostro corpo, le nostre emozioni, i pensieri, la connessione empatica con l’altro e la voce dell’intuito che in sottofondo ci parla.

È decisamente fuori dalla nostra portata fare tutto questo, a meno che tu non abbia trascorso gli ultimi sette anni in Tibet o in compagnia di qualche maestro spirituale che ti ha allenato con costanza e disciplina ogni giorno per tutto il giorno.

Se non è così siamo sulla stessa barca: distratti, presi da mille attività quotidiane, bombardati di stimoli e sempre in movimento.

E spesso, quella volta che ci fermiamo a guardarci dentro subito ci voltiamo dall’altra parte, tante sono le cose che giudichiamo orribili dentro di noi, mentre fuori esistono così tante persone brave, belle e in gamba che non capiamo perché proprio a noi doveva capitare il gene del brutto anatroccolo!

IMPARARE AD OSSERVARSI UN PEZZETTO ALLA VOLTA E A RICOSTRUIRE UN MERAVIGLIOSO PUZZLE

Per uscire da questo inganno del “Conosci te stesso” tutto in una volta, ci sono i colori, che come piccoli aiutanti ti accompagnano dentro ognuna delle 7 stanze che vivono dentro di te e che compongono la tua casa interiore.

In questo modo puoi dedicarti a conoscere e nutrire per qualche tempo il tuo universo emozionale, imparando ad osservare e comprendere i meccanismi interiori che si attivano in automatico tutte le volte che succede qualcosa che poi ti fa stare male.

Perché in fondo è proprio questo che accade: ognuno di noi possiede un archivio emotivo che attiva delle reazione automatiche ogni volta che le circostanze della vita accendono un ricordo memorizzato. E questo per il solo bisogno di aiutarci a sopravvivere nelle situazioni critiche.

Come cambierebbero le tue relazioni se tu imparassi ad osservare e comprendere questi meccanismi dentro di te e, di conseguenza, fossi in grado di comprenderli anche nelle persone intorno a te?

Certamente le tue relazioni migliorerebbero perché comprenderesti l’effetto dei meccanismi inconsci in te e nell’altro smettendo di dare colpe e inutili giudizi.

E questo è solo una parte di ciò che ti aiuta a fare il colore arancione.

Diverso è il lavoro di presenza mentale che ti aiuta a fare il giallo. E ancora diversa è l’ascolto della tua apertura di cuore e quanto in connessione riesci a metterti con quello degli altri, lavoro pertinente alla stanza del verde.

E la cosa meravigliosa è che andando avanti un colore supporta l’altro.

Ecco cosa dice SIlvia durante il suo viaggio tra i colori:

“Vorrei condividere il mio percorso nel colore, ora che siamo a metà. Ho vissuto le mie due settimane nel rosso molto intensamente, mi è stato molto facile immergermi in questo colore e lavorarci nei vari modi proposti. Con l’arancione e il giallo ho avuto qualche difficoltà e ho avuto bisogno di soffermarmi alcuni giorni in più, mi sembrava che il lavoro non fosse altrettanto intenso, sebbene seguissi tutti i suggerimenti e gli esercizi. Ora sono nel verde, sto realizzando il mio TAO e riflettendo su tutto il percorso nella sua interezza mi è apparso come ogni colore si mescolasse con quello successivo, il quale dava quasi delle risposte per risolvere un conflitto “appartenente” al colore precedente. Forse è per questo che dopo il rosso gli altri colori mi sembravano meno intensi, insomma è come se fosse una fusione tra i colori man mano che si procede, la consapevolezza di un colore e di ciò che porta con sè mi è arrivato nel momento in cui ero nel colore successivo. Spero sia chiaro, sto seguendo il flusso senza pensare troppo. Starò nel verde ancora qualche giorno e poi passerò al blu, pronta a ricevere… 

DIVENTA PIU’ CHIARO QUELLO CHE VUOI

Quando sai chi sei comprendi anche ciò che vuoi.

Quando non ti senti più un brutto anatroccolo, quando non rincorri più i desideri e le mode che ti impone una società mediatica così presente nelle nostre vite, quando ti distacchi dalle dipendenze materiali, dai bisogni della personalità automatica e ti elevi ad una consapevolezza maggiore, ti è più chiaro ciò che vuoi dalla tua vita, ciò che ami e il valore che vuoi portare in te e in chi ti vive accanto, con armonia e presenza.

Tutto questo è possibile grazie al lavoro che fai quotidianamente di discesa dentro il tuo mondo interiore e di osservazione e trasmutazione di parti di te.

Quindi non sai cosa vuoi dalla tua vita? Sei troppo distratto/a dagli effimeri desideri del mondo fuori?

La soluzione è lì: conosci te stesso.

Se vuoi quindi approfondire i risultati del tuo test e avere le prime “dritte” per quanto riguarda i passi da fare per conoscerti profondamente, il mio servizio “I colori del cuore” ti aiuterà proprio in questo. Lo trovi a questo link

Per tutto il resto continua a seguirmi e non smettere dei essere desideroso/a di te!

A presto

Lucia

25 Settembre 2019

A cosa ti serve conoscere i tuoi colori?

La domanda rimanda ad un altro grande quesito dell’uomo: perché dovrei conoscere me stesso? Sapere quali sono i colori dominanti dentro di sé equivale ad approfondire […]
17 Settembre 2019
la via del cuore

La via del Cuore, attraverso il corpo

La via del cuore, il viaggio attraverso il corpo per ritrovare l’amore dentro di sè e riportarlo all’esterno. Mano a mano che procedo con il mio […]
19 Agosto 2019

Come leggere i segnali di vita

Intervista a Eliana Santin-metodo CREARSI “Alice nel paese delle meraviglie” mi ha sempre fatto paura!Lo trovavo paradossale, come si può aver paura di un cartone animato?Finchè […]
7 Agosto 2019
i colori non sono farmaci

I colori (e i chakra) non sono farmaci

Hai letto bene: Il colore non è un farmaco e pazienza se ci siamo abituati a ricercare la cura esterna ai nostri problemi interni… perché non funziona […]
5 Luglio 2019

Conta più il microbo o il terreno?

Ci sono momenti, nella storia dell’umanità, in cui sino state compiute scelte che hanno avuto conseguenze importanti non solo nell’epoca in cui sono avvenute, ma nella […]
8 Maggio 2019

Un esercizio indaco per creare la visione migliore di te

In questo articolo ti voglio parlare di un tema caro al colore indaco legato all’importanza di avere una visione di sè che faccia sentire in armonia […]
2 Maggio 2019

Come trasformare la tua vita attraverso il colore e il corpo

La relazione che hai con il tuo corpo determina profondamente la qualità della tua vita, non solo in termini di benessere fisico, ma anche rispetto alla […]