Cervicale infiammata? Spegnila con il blu!

lombalgia
Lombalgia … un chiaro messaggio per te
5 Gennaio 2015
È online il sito di Fisiocolore
16 Gennaio 2015

Cervicale infiammata? Spegnila con il blu!

cervicale infiammata

Cervicale inffiammata? Spegnila col blu!

L’espressione “cervicale infiammata” è un modo diffuso e popolare per definire la cervicalgia. E, per essere un minimo seri e precisi nei termini, in questo articolo la chiameremo con il suo giusto nome.

Cervicalgia è un termine generico utilizzato per indicare il dolore localizzato nella zona del collo. Che tuttavia è spesso associato ad altri sintomi dolorosi a carico delle spalle o a forme quali cefalea, vertigine, disturbo dell’udito, della vista o della deglutizione. Un insieme di problematiche piuttosto fastidiose e invalidanti!

Spesso si ritiene che la causa del dolore sia un trauma o una situazione di sovraccarico prolungata nel tempo (posizione di lavoro, sollevamento pesi, eccetera) alla quale si resiste fino a che non diventa insostenibile.

Ma, come’è nostra abitudine, cercheremo di comprendere le cause più profonde di queste problematiche.

 

Collo, gola, spalle, e tiroide sono componenti del nostro corpo inserite nell’area influenzata dalle frequenza del colore blu.

Il blu si trova, nello spettro della luce visibile, tra il verde e l’indaco-viola; rappresenta, quindi, il crocevia tra la consapevolezza dello scopo e missione della propria vita (indaco- viola) e i desideri profondi del cuore (verde).

In questi termini il blu può essere visto come il punto d’unione della consapevolezza spirituale e della stabilità emozionale consentendo la libera espressione dell’ individualità nel rispetto di ciò che senti essere il cammino giusto per te.

Vediamo simbolicamente le zone del corpo a una a una e poi traiamo alcune conclusioni:

Collo

E’ l’elemento di sostegno della testa, appoggiato sulle spalle appena sopra la zona del cuore. Rappresenta quindi il passaggio tra testa e cuore e poi il resto del corpo. Quindi veicola la comunicazione tra il pensiero e il sentimento e poi, per estensinone tra il pensiero e l’azione. Significativo è quindi supporre che problematiche a carico del collo possano derivare da un profondo disaccordo interiore tra ciò che penso e ciò che sento e poi tra ciò che penso e ciò che faccio. Per questo motivo si associa la frequenza del blu alla libertà di espressione del sè.

Spalle

Che differenza c’è tra DESIDERIO e OBIETTIVO?

Il desiderio diventa obiettivo nel momento in cui attuiamo una azione pratica volta alla sua realizzazione, che può essere una data di scadenza, un acquisto, un progetto scritto, una qualsiasi azione associata al progetto che trasformi l’energia del desiderio in manifestazione reale.

La prima regola quindi per trasformare un sogno in realtà è FARE QUALCOSA.

Nell’immaginario comune a tutti noi “fare qualcosa” si esprime attraverso l’uso delle braccia, che si mettono in moto per prendere, manipolare, modificare, trasportare, spostare, lanciare, scrivere e molte altre azioni. 

È chiaro quindi che nel nostro inconscio una tra le più importanti funzioni delle nostre braccia è quella di realizzare qualcosa e essere poi in grado di SOSTENERE quanto abbiamo realizzato.

Quindi REALIZZARE E SOSTENERE.

Molti disturbi fisici a carico di braccia e spalle possono essere riconducibili a una predisposizione emotiva di questo tipo. Patologie come la rottura della cuffia dei rotatori, tendinopatie localizzate, borsiti, infiammazioni tendinee, calcificazioni tendinee, decalcificazioni ossee, condropatie ecc… appaiono spesso incomprensibili in soggetti giovani, sportivi e molto attenti alla salute.

Siamo piuttosto inclini a giustificare le presenza di queste problematiche con l’avanzare dell’età, dando la responsabilità all’usura, a lavori pesanti,  a disturbi metabolici o semplicemente alla naturale degenerazione tissutale.

Se però proviamo ad osservare la cosa dal punto di vista blu possiamo comprendere come molto spesso, con l’avanzare dell’età e il sommarsi di disagi di varia entità, la fiducia nella nostra capacità di realizzare gli obiettivi che ci siamo posti e di sostenerli può iniziare a vacillare. Il nostro corpo percepisce questa difficoltà e ce la comunica attraverso dei disturbi a carico delle braccia se parliamo di realizzazione, a carico delle spalle se in gioco c’è il sostegno.

Questa visione renderebbe plausibile la comparsa di patologie di degenerazione dei tessuti anche in quei soggetti giovani, specialmente sportivi, che perdono fiducia nel raggiungimento di traguardi importanti, o perdono la connessione tra il fare e lo scopo interiore primario di ciò che si fa.

Se lasciamo che il disturbo si protragga nel tempo possiamo andare incontro a danni strutturali del tipo sovraesposto; conseguentemente assumeremo dei farmaci per ridurre gli stati infiammatori e il dolore e, in alcuni casi, ricorreremo alla chirurgia.

Molte volte una buona chirurgia e una buona fisioterapia restituiscono una funzionalità di tutto rispetto, ma attenzione! Cerchiamo di capire se il problema alla radice è veramente risolto, o rischieremo di recidivare.

Comprendere l’origine del problema può risparmiarci sgradevoli sorprese e, al contrario, può aiutarci ad “aggiustare il tiro” rispetto alla situazione di vita che lo ha generato;

  • Cosa mi impedisce di realizzare il mio progetto?
  • Rappresenta davvero quello che sento?
  • E’ allineato con il mio scopo?
  • Ho la stessa fiducia che avevo quando ho cominciato?
  • So di essere in grado di sostenere la situazione?
  • Cosa c’è che mi pesa più di quanto io penso di poter sostenere?

Domande simili possono aiutarci a fare chiarezza sulla questione; guardarci dentro con SINCERITÀ, come il blu ci insegna, ci può aiutare a capire se possiamo rinnovare la fiducia per ciò che stiamo facendo o se può essere utile modificare il nostro progetto.

Un ottimo aiuto per sbloccare il nostro dialogo interiore è utilizzare il colore e ci sono moltissimi modi per assumerne l’energia.

Ricorda sempre che il corpo e la malattia non sono tuoi nemici, sono semplicemente delle sentinelle che ti indicano che qualcosa in te non è allineato, in termini di evoluzione, di soddisfacimento dei bisogni, di desideri o in qualunque modo tu voglia considerare questo argomento; in ogni caso, da qualche parte, c’è una incongruenza, che attende di essere sistemata.

Il nostro compito, come medici di noi stessi, è capire ciò.

Se vuoi un chiarimento e un aiuto efficace per il tuo problema alle cervicali e alle spalle contattami subito!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *