Lombalgia … un chiaro messaggio per te

Esercizio – Il verde Fisico
3 Gennaio 2015
cervicale infiammata
Cervicale infiammata? Spegnila con il blu!
11 Gennaio 2015

Lombalgia … un chiaro messaggio per te

lombalgia

Oggi affrontiamo un capitolone, quello della lombalgia, e per comprenderlo nel migliore dei modi ti propongo di indossare un buon paio di occhiali arancioni!

Fatto? Iniziamo..

Cos’è la lombalgia?

La lombalgia, in senso stretto, rappresenta un dolore solitamente intenso e continuo a carico della zona della schiena compresa tra l’osso sacro e le vertebre dorsali. Spesso, a livello strutturale, si osservano problemi alle vertebre o ai dischi intervertebrali, ma molto più frequentemente compare senza una apparente e diagnosticabile motivazione.

Com’è possibile? Si parla di postura scorretta, di lavori logoranti, carichi eccessivi e eccesso di peso, di movimenti bruschi che fanno saltare un disco (magari gli stessi movimenti ripetuti altre innumerevoli volte senza conseguenze)… ma è tutto qui?

Poniamo che sia tutto qui. Bene, prendine atto, vai in palestra, assumi degli antidolorifici, chiedi al dottore cosa fare, recati da un fisioterapista. Ma attenzione! Non etichettarti in fronte come una sentenza definitiva la diagnosi LOMBALGIA.

Pratiche salutari come una corretta alimentazione, attività fisica moderata, cura per il proprio corpo e trattamenti di vario genere spesso compensano e alleviano i dolori. A volte li risolvono anche. Ma spesso ciò avviene se si è risolto, più o meno consciamente, lo squilibrio di natura più profonda che sta alla base e che, oltre al corpo fisico, interessa il piano emozionale.

Ma allora cos’è veramente la lombalgia?

La lombalgia è un grido d’allarme e una richiesta di attenzione di una parte di te che non ce la fa più a sopportare qualcosa, un lavoro, una situazione familiare, una immaginaria gabbia in cui ti senti chiuso in questo momento della tua vita. Situazioni troppo pesanti da sostenere, alle quali non riesci a sottrarti, per senso del dovere o per scarsa consapevolezza dei tuoi limiti.

Il disco, per esempio, fuoriesce per schiacciamento, conseguentemente a una rigidità protratta nel tempo, in una zona in cui la capacità di adattamento è fondamentale. E’ un tipo di rigidità fisica che è conseguenza di una rigidità nel tuo atteggiamento troppo vincolato al senso del dovere, al punto da precluderti libertà e piacere. La sessualità è ampiamente implicata in questo processo. Le radici nervose coinvolte sono le stesse che consentono una espressione libera dell’eros, la cui visione troppo moralistica spinge a rifiutare pulsioni e fantasie, irrigidendo tutto il tratto lombare.

Perpetuando situazioni come quelle presentate sopra, fuggiamo dalle nostre responsabilità, i reni non ci danno la spinta necessaria ad agire ed entriamo nel tunnel della paura. L’elemento acqua, promotore di pulizia e rinnovamento, non ci supporta più e finiamo con l’essere spaventati e incapaci di mettere in atto quei cambiamenti necessari nella nostra vita per uscire dal circolo vizioso. Ti ci ritrovi?

La realtà è che finché non prendi consapevolezza di questa situazione e non ti rendi disponibile a cambiare qualcosa in te, la tua zona lombare continuerà a segnalare che c’è qualcosa che non va; il dolore, che inizialmente rappresenta un messaggio, si trascinerà nel tempo fino a che non insorgeranno effettivamente danni di tipo strutturale (ernie, artrosi, discopatie di vario genere, nevralgie), che ti faranno ricorrere al medico.

L’arancione può aiutarti a prendere consapevolezza di questa situazione. L’arancione è un potente antidepressivo, ti offre la felicità su un piatto d’argento e con essa la possibilità di riprendere in mano la tua vita. L’arancione mette in moto i liquidi, ti aiuta a rinnovarti e dà il via ai processi di guarigione del corpo. La ritrovata fluidità del bacino risveglia la tua gioia interiore, la voglia di godere della vita, di essere responsabile del tuo benessere attuando quei cambiamenti che stai chiedendo a te stesso.

Quali sono i possibili messaggi di una lombalgia?

    • Ricordati di te! Hai un senso del dovere forse eccessivo, un altruismo che sfocia in spirito di sacrificio fuori misura che ti porta a dimenticarti di te.
    • Sii flessibile! Nell’affrontare e sostenere le difficoltà tendi ad avere un atteggiamento di resistenza e sopportazione, continuando a sbattere contro lo stesso muro. E se provassi a cambiare direzione?
    • Divertiti! Non è che stai lasciando troppo poco spazio a piacere e svago? Prenditi i tuoi spazi, fa’ ciò che ti piace, non ossessionarti troppo a contare ore e minuti con la sensazione che il tempo dedicato al gioco sia tempo sprecato.
    • Riconosci i tuoi limiti. Accetta le tue capacità, puoi sempre migliorarti nel tuo percorso, ma pretendere troppo da te in questo momento potrebbe crearti solo problemi.
    • Accetta la tua sessualità e le tue fantasie! Ti fai dei sensi di colpa perchè hai desideri erotici o fantasie trasgressive? Beh, ne abbiamo tutti, siamo umani, chi ti ha convinto che sia una cosa sbagliata? Sei sicuro che lo sia?

Utilizzare pigmenti arancioni per il bagno, oli essenziali codificati con le vibrazioni dell’arancione, lampade con luci arancioni, acqua solarizzata arancione o la visualizzazione del colore nel bacino, rappresentano ottimi sistemi per aiutarci a superare i nostri momenti di stasi nella vita.

Di certo il tuo corpo e la tua zona lombare ringrazieranno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *